domenica 30 marzo 2008

Back to the Eighties... (omaggio a Ginger. E ai miei golden days)


Questa bella signora ultraquarantenne si chiama Ginger Lynn.
E' stata una presenza fondamentale nella mia adolescenza.
Un'indimenticabile, ehm... Massì: attrice!
Uh, che magone!

10 commenti:

lalligatore ha detto...

queste sono le radici che ci accomunano.
altrochè partito d'azione!

Tic. ha detto...

lalligatore!!!!!
Ma lo sa che sentivo un po' la sua mancanza?
Mi chiedevo: "Ma che fine avrà fatto, lalligatore?". E soprattutto (ormai un classico!): "Ma chissà chi si nasconde dietro il nick lalligatore?".

E comunque, Ginger Lynn era una cosa pazzesca.
Ah, che prove d'artista, le sue!

yodosky ha detto...

io comunque resto sempre fan di Belladonna, checchè ne dicano gli omini di questo sito

Tic. ha detto...

Ma con Belladonna (eccezionale, ne convengo) siamo nella contemporaneità.
Ginger è vintage.

Io sono vintage...

Vladimiro ha detto...

Anche io ho bellissimi ricordi legati a Ginger, e anche a tante sue belle colleghe..
Ciao
V.

Anonimo ha detto...

Ridete pure, ma io non ho la più palida idea di chi sia. Forse perchè io sono del 1954 e dunque appartengo a una generazione diversa? Chi era? Attrice di telefilm? Pornostar?
Boh
E anche Belladonna e Nick Lalligatore mi sono (immagino i vostri sghignazzi) completamente sconosciuti.
http://lucianoidefix.typepad.com/

diogene ha detto...

A quando un post sul grande Ron Jeremy? Memorabile la sua interpretazione di Maradona in "Cicciolina e Moana ai mondiali". Altro che Citto Maselli...

Tic. ha detto...

"Se è sfocato, è erotismo. Se è a fuoco, è pornografia".
(Autore anonimo)

Mettiamola così, sulla Ginger: lei era... Sempre MOLTO a fuoco.

Quanto a Belladonna, beh... Lei è un attrice, moltissimo a fuoco, del tempo della flessibilità: insomma, è una flessibile. Flessibilissima.


lalligatore è un signore che si firma come il personaggio dei libri di Massimo Carlotto. Viene a trovarmi qualche volta in talkischeap. Mancava da molto...

Quanto al filosofo cinico, per Ron Jeremy chissà?
E comunque concordo: tra i film di Maselli e un pornazzo, tutta la vita un pornazzo.

Anonimo ha detto...

Massimo Carlotto mi piacque tantissimo nella serie dell'Alligatore, nei libri sparsi, fino al suo capolavoro ("Arrivederci amore ciao"), poi si è come avvitato su se stesso e non mi convince più. Gli è venuto un che di manieristico.
Però gli ultimi commenti mi hanno fatto capire: 'sta Lynn era un'attrice hard. http://lucianoidefix.typepad.com/

Tic. ha detto...

E che attrice, Lucià!
Che attrice!