mercoledì 14 ottobre 2009

Renato Vallanzasca


Ma ti rendi conto? Bruciano i barboni per noia. Mandano a battere le bambine o le schiave. Per il grano o per un tiro di quella merda che manda in pappa il cervello, sono disposti a tutto. La malavita non esiste più. Oggi esiste la mala-vita. Niente regole, niente onore, niente amicizia, niente rispetto. La violenza è dappertutto ed è insensata. E ti assicuro che ce ne vuole a dirtelo, perché io pure ho ucciso. Ma io saltavo i banconi e lo mettevo nel conto. Se andava male, sapevo che sarebbe toccata a me, o alle guardie che mi inseguivano sparando. (...) Come diceva Bertolt Brecht? È un crimine più grande fondare una banca o rapinarla? Bene, io a quella domanda come tutti sanno ho dato una risposta. Ma guardandomi intorno oggi, sai cosa mi colpisce? Che quarant'anni fa, Milano era più cupa, più sporca. Ma ad avere paura era solo chi aveva il grano. Le porte delle case restavano aperte. Gli operai che tiravano la lima alla Marelli lasciavano i ragazzini alla vicina o in cortile. Oggi chi ha il grano paura non ne ha più. La paura è dei disgraziati. Paura di essere scippati, violentati, accoltellati. E sai cosa trovo ancora più incredibile? Che a dire «al lupo, al lupo», però, sono rimasti sempre quelli che hanno il grano. Oggi uno che fa una rapina prende quindici anni. Chi manda sul lastrico qualche decina di migliaia di famiglie succhiandosi i loro risparmi, va bene se fa un mese ai domiciliari. Il senso della comunità è andato a farsi fottere. E se non c'è comunità, non c'è mito. Guardia o ladro che tu sia.


Così Vallanzasca a Carlo Bonini.
E adesso ditemi: fa più schifo lui o Calisto Tanzi?

17 commenti:

Mammifero Bipede ha detto...

Tic, io aggiungerei il tag "lacrime di coccodrillo", o se preferisci "cattivi maestri".
Vallanzasca non è esattamente uno che si è adoperato perché il Mondo fosse migliore, anzi, direi che le sue "gesta", ora che sembra volersi riciclare come una sorta di "Robin Hood dé noantri" hanno favorito la china del "bisogno di sicurezza", col risultato che i ricchi si sono "recintati", ed a farne le spese sono stati proprio gli operai, nuovi bersagli di disgraziati più disgraziati di loro.
Insomma, Tra Calisto Tanzi e Vallanzasca perfino Giorgino Bush rischia di farci bella figura.
E ho detto tutto.

tic ha detto...

Certo, certo, ma... Tra Vallanzasca e Tanzi?

E comunque, il bisogno di sicurezza non c'entra tanto con Vallanzasca quanto con Sua Emittenza. E sempre di criminali si parla...

Mammifero bipede ha detto...

A me questa storia puzza tanto di invidia. Scavalcato quanto a stronzaggine (e risultati) da quattro pagliacci in doppiopetto.
Non dev'essergli proprio andata giù.
Ma ormai è troppo tardi per cambiare mestiere...

tic ha detto...

All'invidia in effetti non avevo pensato...
Certo che accanto a certi infami il René ci fa proprio la figura del rubagalline.

Ah... Sì. Quanto all'analisi sociale e culturale tentata dal Vallanzasca, pochi, tra i dirigenti del PD, ne sarebbero capaci.

Alessandra ha detto...

Tanzi - Vallanzasca? Uno pari e palla al centro.
Parole che suonano offensive dette da lui (il bel René)per gente come me (onesta, intendo dire). Tanzi ha "ammazzato" senza armi da fuoco, ha tenuto in ostaggio un bel po' di gente e per lunghissimo tempo, ha rapinato. Stesso curriculum per il bel René, ma lui usava le pistole.
Due bei gran pezzi di merda, non c'è che dire.

tic ha detto...

Magari fosse pari e patta, Alessandra.
In realtà, Vallanzasca ha pagato e (giustamente, ci mancherebbe) sta pagando.
Tanzi non ha pagato niente. Né pagherà mai.

luciano ha detto...

Far la gara a chi è peggio è difficile. Però, dovendo disputarla e mettendomi nella parte del giudice di linea, proverei a dire due cose:
1) l'impatto immediato di criminali come Vallanzansca è più brutale, sanguinario e "spettacolare". Le sue vittime sono colpite duro, orribilmente e in modo diretto. D'altro canto, si tratta di crimini esplicitamente "delittuosi" da tutti percepiti come "delitti". E dunque Vallanzasca è visto come un nemico della società.
2) invece la subdola pericolosità sociale di gente come Tanzi è maggiore. Perchè colpisce molte, molte più vittime, in modo spesso obliquo. E (per di più) in troppi ambienti "bene" Tanzi & C vengono usati come complici, alleati. E dunque molte persone non li percepiscono come criminali autori di delitti veri e propri.

Mammifero Bipede ha detto...

Quoto il parere sull'analisi...

...e tra Vallanzasca e la Serracchiani?
Chi butti giù dalla torre?
;-P

Alessandra ha detto...

Eh si Tic, purtroppo Tanzi non ha pagato e chissà se mai pagherà.
Per pari e patta intendevo che i due sono criminali allo stesso modo, con la differenza che Vallanzasca usava la pistola e Tanzi no. Anzi, come dice Luciano, Tanzi ha mietuto molte più vittime. Per lui non bastano nemmeno i 260 anni di carcere che ha accumulato il bel René.

luciano ha detto...

Bipede: a me la Debbbbbbbora (come la chiamano i suoi fans, scimmiottando i berluscones che chiamano lui Silvio) non convince per nulla, la trovo la versione piddì (e dunque educata e civilizzata) del velinismo, una faccina graziosa, una comparsata su yutubbb ed eccoti liderina nazionale, un modo raccapricciante per selezionare i gruppi dirigenti. Però (premesso questo) non esageriamo e non perdiamo il senso delle proporzioni: Renato Vallanzasca è stato (o è ancora...non so bene la sua vicenda) un criminale mentre Debora Serracchiani è una cittadina democratica.

Mammifero bipede ha detto...

Luciano, la domanda era solo per Tic... e altrettanto ovviamente non era una domanda seria.
Altrimenti avrei chiesto "tra Vallanzasca e D'Alema (che supinamente bombardò Belgrado)?" ...oppure tra Vallanzasca e chi votò D'Alema (rischierei di esserci pure io, anche se non credo...)

Vedi che i confini non sono poi così netti...

tic ha detto...

Sempre stato con D'Alema, io.
ARRRRRRRGHHHHHH!!!

L'Uomo Tigre ha detto...

Quando D'Alema ha bombardato Belgrado ho aperto una bottiglia ed ho brindato.
A Srebrenica.
E a ricordo di tutti gli abitanti di Sarajevo che erano morti nel frattempo.
Perchè le bombe non saranno intelligenti, ma per alcuni sono delle brave maestre.

tic ha detto...

Quoto. Ahimé. Quoto. E pure io brindai. Bombe a Belgrado = fine dei casini in Kosovo: chissà come mai...
La società serba è divenuta più responsabile, diciamo meno... sventata, dopo quelle bombe.
E' dimostrabile.

Mammifero Bipede ha detto...

Anche il mondo degli investitori è diventato più "attento" dopo il crack Parmalat... :-/

D'alema-Tanzi 1:1?

Mammifero Bipede ha detto...

Ora la keyword è "cessess", mi sembra appropriata...

tic ha detto...

D'Alema 0 - Tanzi 0.
Così funziona.