venerdì 9 ottobre 2009

Meno male che la Costituzione c'è!

Allora, c'è il deputato Antonio Gaglione, eletto in Parlamento nelle liste del famoso Partito Democratico, che diserta regolarmente le sedute della Camera. Di professione fa il medico e pare sia un medico di successo: sostiene che, siccome ha capito da quel dì che a Montecitorio non c'è mai niente di interessante da fare, beh, preferisce restarsene a Bari, a lavorare. Sostiene pure che il Piddì, che l'ha candidato, fa ridere quando non fa pena e perciò... non ci pensa nemmeno a dimettersi da parlamentare, il Gaglione, eh no! Passa armi e bagagli al Gruppo misto, invece. Dove troverà ad attenderlo l'ottimo Riccardo Villari, I suppose. Ve lo ricordate, Villari, sì?

Bene. Oggi mia moglie E. mi dice che tutto ciò le sembra intollerabile, che è una vergogna che a 'sto tizio si permetta di spernacchiare così prima chi l'ha candidato e poi (e soprattutto) chi l'ha eletto.
Io, che sono un cinico bastardo, le rispondo più o meno che sputerei volentieri in faccia non tanto a Gaglione e a Villari, quanto a chi li ha candidati, 'sti due zozzi impuniti.
Secondo mia moglie ci vorrebbe un regolamento parlamentare che imponga le dimissioni dall'Assemblea stans pede in uno a gente che ha tradito il mandato degli elettori e il gruppo parlamentare in cui è stata eletta.
Io le rispondo che non si può mica fare, eh no! L'articolo 67 della Costituzione non lo consente! Lo conoscete l'articolo 67 della Costituzione, nevvero?
“Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.
Perciò c'è poco da almanaccare, mia cara: la Costituzione della Repubblica parla chiaro!
Poi, visto che sono un cinico bastardo, scoppio a ridere sguaiatamente.
La Nazione? Ah ah ah ah!!! Ma che cazzo vado dicendo? Ma non esiste più, la Nazione...

15 commenti:

Mammifero Bipede ha detto...

Come no?
La Nazione è un quotidiano di Firenze...
:-/

Alessio ha detto...

Magari se non facevano questa merda di legge elettorale che oggi permette di dire al maschio dominante italico di essere l'unico ad essere stato votato direttamente dal popolo qualche cosina si poteva anche obiettare.

PK ha detto...

quoto alessio e condivido quello che ha detto tic.
dal titolo del post pensavo che il contenuto fosse diverso e si parlasse dell'arcinoto lodo Alfano (perchè lo chiamano lodo? sono ignorante ma per me lodo vuol dire soluzione mediatrice o scelta di un arbitro tra 2 posizioni, mah!)
Sono quindi fuori tema ma comunque
volevo fare una doppia riflessione sulla decisione della Corte Costituzionale:
Primo: cazzo! (scusate lo dico ogni tanto ma non lo non scrivo mai, ma qui ci vuole) 6 giudici della corte hanno ritenuto costituzionale questa legge! E approfondiamo chi sono questi personaggi: oltre ai 2 che prima di decidere vanno a cena con il "capo" cioè il romano Paolo Maria Napolitano e il salertano Luigi Mazzella, il casertano Alfio Finocchiaro, il Bresciano Giuseppe Frigo (non avevo dubbi, ha rappresentato tra gli altri Silvio Berlusconi, suo fratello Paolo e Cesare Previti in più processi...) il napoletano Alfonso Quaranta e la casertana Maria Rita Saulle.
Verrebbe da dire: ma sono (quasi) tutti Campani... Vabbè... per fortuna ci sono anche i campani "seri": Maddalena, Quaranta e le "Loro Maestà" Cassese e Tesauro.
Mi aggancio geograficamente per la seconda riflessione: ma il napoletano Napolitano che cazzo (scusate la seconda volta) ci sta a fare sul colle?
concludo (male, è troppo tardi)
Viva la Lega viva di Pietro!
Ma che cazzo sto a dì? (e tre)

tic. ha detto...

Mi sa che non ho capito...

yodosky ha detto...

Per la prima parte del commento di Pk gnanche mi no gò capido; per quanto riguarda Napolitano in effetti un dubbietto mi è venuto: rimandare indietro la leggina forse era una roba da fare per dimostrare di non essere d'accordo(visto che l'incostituzionalità c'era).

Per quanto riguarda Gaglione: in un'intervista, all'intervistare che lo definiva ''non affidabile'', ha risposto: "mi hanno votato in 57mila". Come a dire che se trovo 57mila che mi vogliono bene, posso fare quel cazzo che voglio. Dov'è che l'ho già sentita 'sta teoria?!?

yodosky ha detto...

Guardando meglio la foto: che c'aspettavamo da un che indossa quei papillon???

luciano ha detto...

No, Villari non mi ricordo più chi è. Però diffido dell'ommini col papillon. E pure de quelli co' la faccia tipo Villari. Ma chi è? Dentro di me, al suo nome, si agita un rigurgito di vivo fastidio. Però non riesco a sputarlo via.
Comunque, io (se dipendesse da me decidere le candidature) mi fiderei dell'istinto e della fisiognomica: gente (per dirne solo altri/e due) come De Gregorio (hai presente?) o la Binetti non li/le metterei in lista mai e poi mai.

PK ha detto...

Scusate,
era tardi, e, mentre cercavo chi erano questi giudici, ho scritto quello che mi veniva in mente...
originariamete volevo solo sapere i loro nomi, cioè chi erano.
Il punto era questo:
in seno alla corte abbiamo assieme a giuristi di altissimo livello personaggi discutibili: dovemmo avere solo giuristi di altissimo livello che non personaggi che fanno politica non prendono decisioni così, solo perchè amici o conoscenti di qualcuno...

Il pensiero che quasi tutti i giudici della corte costituzionale siano campani mi ha fatto un pò "girare" (e quelli che non lo sono in parte non sono all'altezza).

Per quanto riguarda Napolitano (presidente) mia moglie mi sta rompendo da parecchio che non vale una 'scinca e io l'ho sempre "difeso"; mi sa però che ha ragione lei: è senza "palle" ed anche sembra inciuciare...
L'ultima decisione di non andare ai funerali in sicilia mi è parsa molto poco "istituzionale" (il presidente dovrebbe essere solo istituzionale).

Il viva la lega viva di pietro era solo una cazzata.
mi aggiusto:
viva Pertini viva Scalfaro evviva anche Carlo Amelio!

PK ha detto...

quoto luciano:
certa gente basta vederla per capirla.
Per quanto riguarda Villari: ...altro napoletano (non mi vanno giù, soprattutto i politici!)
Mentre ci sono persone onestissime ed a volte eccezionali, di politici partenopei (o giù di lì) retti e lindi che ti ispirano fiducia mica ne conosco tanti; anzi si potrebbe fare una lista, comincio io:
Bassolino
(mi dà quella sensazione di viscido che accennava Luciano...)

luciano ha detto...

Rattrista un po' che, da molti anni, lo dico/dicevamo e lo scrivo/scrivevamo (ad esempio su "Critica liberale" e su questo e altri blog): "guardate che Berlusconi e il berlusconismo sono incompatibili con le democrazie liberali".
Ma nel centro-sinistra-centro chi diceva/scriveva queste cose veniva preso per un mitomane ossessionato dall'antiberlusconismo, mentre si osannava il Genio Dalemassimo (teorico della Bicamerale, del Berlusconi statista, di "Mediaset patrimonio dell'intero paese"). S'è visto con che bei risultati.
Dopo sedici anni di berlusconismo, è evidente anche al più tardo che avevo ragione io (povero mona di scrittorucolo triestino per ragazzi) e alcuni milioni di "normali cittadini"
E torto Dalemassimo (sommo stratega de la sinistra-centro-sinistra-centro de li mii cojoni).

tic ha detto...

A parte Dalemassimo, che dire di Walter?
Nei confronti del Berlusconi ha fatto e detto esattamente le stesse cose (Bicamerale a parte) solo che le ha fatte e dette tra il 2007 e il 2008...
Prodi mica sta incazzato per niente col più amato dagli italiani...

tic ha detto...

P.S.
Dagli italiani perbenino di sinistra light, of course.
IL PIU' AMATO, beh...

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo riguardo all'analisi in generale sull'andazzo e sulle regole che disciplinano il mondo dei parlamentari e il funzionamento dello stesso parlamento. Riguardo al giudizio sulle persone, però, ritengo sia superficiale e scusate se lo dico, da ignoranti mettersi a giudicare persone che non si conoscono ... per di più argomentando con presunzione. penso sia ridicolo. Io ad esempio sono pugliese e so che qui Gaglione ha svolto dignitosamente il suo ruolo politico, impegnandosi nei problemi che riguardano la nostra Regione. So che lavora con grande sacrificio e dedizione e nel suo lavoro è amato in particolar modo per il suo disinteresse tanto che assiste tanti malati poco abbienti senza pensare al mancato compenso che può ricavarne. so che nonostante percepisca uno stipendio da parlamentare svolge una vita improntata nella semplicità, nessun lusso, nessuna super macchina, nessun vizio, piuttosto è noto per la grande beneficenza e le adozioni a distanza. Di certo tutto ciò non interessa a nessuno, perchè nell'intento di scaricare le frustrazione della nostra vita inveendo contro qualcuno e nel presentarci come grandi pensatori in grado di trovare le soluzioni al male della politica odierna queste notizie costituiscono solo un intralcio. Nel perseguire l'obiettivo si prende ciò che si vuole dalla realtà e ci si scatena. Continuate pure, buon divertimento.

tic ha detto...

Cazzo, mi hai commosso.
Chiedi a Gaglione, visto che pare tu lo conosca bene, di dare in beneficenza il lauto stipendio che percepisce a Montecitorio per non fare una minchia di niente.
Poi magari ne riparliamo, eh?

yodosky ha detto...

Scusa anonimo, ma quello che hai detto non c'entra una bega con il post. Non abbiamo mica detto che Gaglione è un pessimo medico o un ladro. Abbiamo detto che se sa far bene il suo mestiere di medico, che faccia quello e non il parlamentare. Fine.