lunedì 9 febbraio 2009

Il capogruppo alla Camera e i casi di coscienza (ovvero: ultime notizie dalla tolda del Titanic)


In Parlamento, nelle prossime ore, verrà messo in votazione un disegno di legge che interverrà su una materia già oggetto di sentenza definitiva da parte della magistratura, il caso Englaro.
Il ddl dice che “in attesa dell'approvazione della completa e organica disciplina legislativa sul fine vita, alimentazione e idratazione in quanto forme di sostegno vitale e fisiologicamente finalizzato ad alleviare la sofferenza non possono in alcun caso essere sospese da parte di chi assiste soggetti non in grado di provvedere a se stessi”.
Ma quello che dice a me pare del tutto irrilevante.
Ripeto: il legislatore interverrà su una materia già oggetto di sentenza definitiva da parte della magistratura: può farlo? A me pare di no. Non dice qualcosa, in proposito, la Costituzione repubblicana?
E il punto, poi, è il Partito democratico. Ovvero, la qualità della sua opposizione parlamentare. Ovvero, la sua cultura politica.
Parecchi parlamentari del Pd voteranno il ddl. E lo faranno nello stesso momento in cui il partito (anche a nome loro?) promuove "una manifestazione in difesa della Costituzione” dopo gli attacchi del Presidente del Consiglio Berlusconi alla Carta e “di fronte al tentativo di aprire un conflitto istituzionale nei confronti del Presidente della repubblica”.
Io non so più cosa pensare. Davvero.
La ciliegina sulla merda? Eccola qua: sono parole del capogruppo del Pd alla camera dei deputati, Antonello Soro.
“Al di là del giudizio di merito su quella legge e del voto che ciascuno vorrà esprimere, una disciplina ce la daremo nel senso che non faremo il piacere a Berlusconi di fare dell'ostruzionismo”.
Nel Pd certi voteranno 'sì', certi voteranno 'no', altri dicono che non parteciperanno al voto: libertà di coscienza per tutti, insomma (se ne deduce - io, almeno, ne deduco - che la libertà di coscienza di un singolo deputato vale molto di più, per il Partito democratico, del corretto equilibrio tra i poteri dello Stato). Libertà di coscienza ma niente ostruzionismo.
Quindi prego: accomodatevi pure. Tanto, noi abbiamo organizzato una ricca manifestazione in difesa della Costituzione che si svolgerà martedì 10 febbraio alle ore 18 in piazza Santissimi Apostoli a Roma. Unico a prendere la parola sarà il senatore a vita Oscar Luigi Scalfaro, presidente emerito della Repubblica.
Sapete, no, della Repubblica?
Massì, dai: la Repubblica...

7 commenti:

L'Uomo Tigre ha detto...

più che altro dimostra che certi cattolici sono disposti ad accettare l'eversione dei metodi sanciti dalla costituzione, se in contrasto con il proprio credo.
Le Brigate Bianche?

yodosky ha detto...

E mi par giusto. Anch'io accetto il lavoro a patto che non sia in contrasto con il mio fancazzismo.

Giulia ha detto...

Il tutto prova che anche tra i presunti di sinistra di centro-sinistra la mafia Vaticana ha allungato le grinfie. Dunque, se uno più uno fa due, la democrazia non c'è più, ed è già da un tot.
Non oso immaginare cosa possa esser stato detto nella telefonata proveniente dal vaticano ricevuta da Napolitano.

L'Uomo Tigre ha detto...

Eluana è morta.
Possiamo tornare al Campionato.
viva l'italia.

Francesco ha detto...

Stavo guardando un programma in tv, su rai tre, quando per un qualche scherzo spazio-temporale si parlava di un paese, credo africano prima della decolonizzazione, nel quale era possibile comprarsi i titoli di studio, esami, lauree, tutti lo sapevano, ma nessuno faceva niente, e poi, all'improvviso, di un paese di un altro pianeta nel quale agli studenti più svantaggiati venivano dedicate più risorse che agli altri studenti. O forse stavo sognando, in dormiveglia davanti alla tv, immaginate che sognavo di uomini che volevano avere diritti di vita e di morte su altri esseri umani, in tempo di pace, e anche ho sognato di uno vestito come a Carnevale, che parlava come se fosse il rappresentante di un dio, e tutti ascoltavano senza ridere. Devo cenare pasti più leggeri, ho pensato risvegliandomi, e dopo aver spento la tv ho preso un libro intitolato Candido, di Voltaire, per una iniezione di sano ottimismo, ho letto infatti che dice spesso "questo è il migliore dei mondi possibili". Sarà un antidoto contro gli incubi.

yodosky ha detto...

Sì, Eluana è morta. Voglio solo far notare che gli stronzi papisti di Radio Maria avevano chiesto per lei la grazia alla Madonna.
Più o meno come quella del paraplegico che va a Lourdes a chiedere di poter tornare a piedi e quando esce scopre che gli hanno fregato la carozzina.
Questa è per gli stonzi papisti: piantatela, adesso, per favore.
Lo spettacolo è finito.

Off.

luciano ha detto...

Penso che la cosiddetta "base" sia molto diversa, ma il gruppo dirigente del Pd (Partito alla Deriva) è uno spettacolo desolante. Per loro userei una battuta di Flaiano ("un pugno d'uomini indecisi a tutto"), se non fosse che. Se non fosse che ho un sospetto: che molti di loro siano decisi a fare da seconda gamba a un consociativismo.