venerdì 6 marzo 2009

Alexandru Loyos e Karol Racz


Rumeni (mamma mia, Rumeni! Oddioddioddio, Rumeni! Come il conte Dracula, pensate!!!), accusati di stupro.
A giudicare dai notiziari televisivi e dai quotidiani, 'sti due disgraziati (a prescindere...) sono le persone più importanti d'Italia, in questo momento.
Che dire?
A noantri, evidentemente, l'informazione piace così...

8 commenti:

luciano ha detto...

In genere la cronaca nera mi ripugna e non la leggo mai (a meno che a scriverla non siano grandi autori...Buzzati, Capote, Ellroy...). Ma questa storia (da quel poco che ne ho capito) mi pare indecente: malgrado la prova obiettiva del DNA li scagioni, sembra che si debba a tutti i costi incastrare questi due disgraziati con la faccia da disgraziati, una vita da disgraziati e una fedina penale da disgraziati. (Però non conosco le carte della Procura e dunque parlo per "sentito dire") Ma se è come appare, la roba fa venire i brividi.

yodosky ha detto...

Non entro nel merito della storia perchè devo dire che anche a me la cronaca nera non piace molto e poi diciamo la verità, è come gli hamburger: se sai come li fanno non li mangeresti mai. Io lo so come la fanno, e quindi...
Quel che posso dire è che non sembre il Dna è così infallibile (purtroppo Csi è solo un telefilm), uno dei due è reo confesso e le vittime li hanno riconosciuti. Certo che gli ultimi due elementi sono deboli rispetto al primo. Quindi un bel casino.

Anonimo ha detto...

Mi immagino cosa succederebbe sui giornali, nelle televisioni e in Parlamento se (con elementi probatori così...diciamo "incerti"?) arrestasse non un disgraziato bensì un "potente". Sarebbe un fragoroso coro (Vespone, Monaiuti, Cicchetto, Gasparino, Corrierino della Serva, Libbero, il Foglio di Puttana, il Gionnnale...) contro l'uso criminoso della giustizia e contro la carcerazione preventiva e contro qua e contro là, contro su e contro giù. Trattandosi invece di due disgraziati (per di più rumeni), il coro si prende una pausa.

Fabio Montale ha detto...

Beh, quantomeno sono finite le rapine in villa...

Anonimo ha detto...

La cronaca nera è solo uno splendido esempio di come i mezzi di cominicazione possano influenzare le persone. Da mesi almeno un articolo sui giornali online è dedicato ad una violenza sessuale (e visto che anche "bella gnocca" è violenza sessuale, c'è un po' di confusione). Così ti fanno credere che se esci da sola, o anche no, sarai la prossima. Se mettessero tutti gli incidenti stradali che avvengono in tutta Italia ogni giorno, il numero degli automobilisti diminuirebbe talmente rapidamente che forse (ma ne dubito) i Verdi non avrebbe nulla da ridire.

Manfredi ha detto...

storia molto controversa che sta sfuggendo di mano a chi l'ha innescata (leggi: il centrodestra) e a chi non sa rispondere (leggi: il partito democratico).

Siamo nei guai tutti, mi sa

Mammifero bipede ha detto...

Nel frattempo l'unica "idea" che abbia trovato tutti d'accordo è stata quella di recintare con una bella inferriata di tre, quattro metri un parco che ha uno splendido affaccio percorrendo via Latina (vedi link, tanto per spendere invano un po' di denaro pubblico, far finta di aver "fatto qualcosa" e farci sentire tutti un po' più "in gabbia".
BLEAH!

Anonimo ha detto...

l'alternativa di cronaca ai RUMENI potrebbe essere parlare di RAZZINI (come fa anche DIOGENE)? Liam